Twitter for dummies (Muovere i primi passi)

In Italia il social network Twitter è ancora un tabù per molte persone, probabilmente perchè i più non lo capiscono da subito, oppure non ne comprendono l’utilità.

Con questo articolo tento di spiegare come muovere i primi passi nel mondo “cinguettoso” di twitter.

Prima di tutto, perchè Twitter?

Twitter è il sistema migliore per restare informati al giorno d’oggi. Se vuoi sapere che cosa dicono, pensano e discutono persone di tutto il mondo, infatti si possono trovare notizie molto interessanti sui giornali e siti di informazione online, ma su Twitter si può accedere direttamente alle fonti leggendo i racconti di chi, ad esempio, davvero fa le rivoluzioni, come nel caso dell’Egitto, o di chi deve confrontarsi con un disastro naturale spaventoso come lo tsunami in Giappone, il terremoto in Emilia, le maxiemergenze e le curiosità nazionali.

Inoltre lo si usa perché si ha qualcosa da dire agli altri. Ognuno di noi ha argomenti cui tiene maggiormente e sui quali è pronto a confrontarsi e mettersi in discussione. Twitter consente di farlo e imparare un sacco di cose aggiuntive per arricchire le proprie conoscenze. E anche gli altri possono imparare dalle nostre.

Facebook è fatto per i tuoi amici; Twitter è per i tuoi amici e per chiunque possa essere interessato a quello che dici.

Ed ecco i 10 consigli da seguire, riportati su alcuni blog, che spiegano come muovere al meglio i primissimi passi su twitter:

1) Vai su twitter.com e crea un account. Scegli un nome breve oppure il tuo nome come nickname. Carica una foto, inserisci una breve biografia, indicando quello che fai e gli argomenti che ti interessano. Magari un link al tuo blog o sito;

2) Hai a disposizione 140 caratteri per ogni tweet. Cerca di usarne un centinaio ogni volta, così se qualcuno vuole risponderti citandoti, ossia mettendo fra virgolette il tuo nick e il tuo tweet, avrà spazio e più gente leggerà il tuo tweet;

3) Puoi creare uno sfondo ad hoc oppure utilizzarne uno dei predefiniti. Puoi semplicemente cambiare i colori o cominciare con il caricare una foto, dimensioni all’incirca 1280×1024, se lo inserisci da te l’importante è che non pesi troppo (max 800 pixel, ma è consigliabile stare sotto i 300, così si carica prima la pagina);

4) Prima di cominciare a twittare, inizia a seguire delle persone. Cerca fra i tuoi amici e ricorda che le persone che segui non sono obbligate a seguirti. Spesso, però, lo faranno. Sentirai parlare di “Follower” (Un follower è l’utente di twitter che ha deciso di seguirti e che quindi legge i tuoi tweet.) e “Following” (Utente twitter che hai deciso di seguire e di cui leggi i suoi tweet.)

5) Ci sono account che vorrai seguire, ma non sempre. Crea delle liste per argomenti e inseriscili dentro: quando deciderai di guardare i loro tweet li troverai nelle liste, ma non finiranno nel tuo stream. Io per esempio sto tentando di mettere testate e blog che seguo nelle liste e persone nello stream, salvo rari casi;

6) Se vuoi farti seguire da qualcuno, comincia a rispondere ai suoi tweet.

7) Hashtag: sono quelle parole con il # davanti (che puoi includere o meno nei tuoi tweet, ndr). In sostanza identificano l’argomento di cui si parla, ma anche i trend di cui si discute o che si vogliono creare. Alcuni sono ricorrenti, come #sapevatelo. Altri hanno una funzione specifica: #in o #fb per aggiornare anche lo status di LinkedIn o Facebook. #ff significa follow friday, ossia i consigli sugli account da seguire che vuoi dare ai tuoi follower. Si usa di venerdì, per consuetudine. Il simbolo # è quindi usato spontaneamente dagli utenti per indicare una parola chiave all’interno del proprio messaggio. E’ utile per tener traccia degli argomenti discussi su twitter e per le ricerche all’interno del motore di ricerca integrato su Twitter.

8) Mention e Reply: Il simbolo @ è usato per menzionare il nickname di un altro utente (preceduto dal simbolo @) all’interno del tuo tweet, oppure per rispondere ad un tweet.

9) RT o Retweet: Quando ti piace un tweet altrui oppure ritieni che il tweet di un altro utente sia rilevante per i tuoi follower puoi retwittare il suo tweet. Attualmente ci sono due modi fare un retweet:
– automaticamente, cliccando sul bottone “Retweet” nella time line
– manualmente, anteponendo RT al messaggio.

10) Trend: Twitter indica gli argomenti più twittati proprio sulla base degli hashtag. Spesso e volentieri però i trend non sono interessanti, ma legati a personaggi famosi o stupidaggini.

11) Cerchi qualcosa o qualcuno? Usa la barra ricerca, mettendo la parola chiave che cerchi o il nome dell’utente che vuoi trovare.

12) Scarica ora l’app ufficiale per iPhone, iPad, Android, Blackberry o Windows Phone per twittare e leggere gli update comodamente quando sei in giro;

13) Per quando sei al computer, puoi puntare sull’app Tweetdeck per Chrome, oppure la stessa app standalone. Puoi usarla anche per gestire Facebook e Foursquare, anche su mobile, ed è ottima per seguire un trend. Su Mac funziona bene anche l’app ufficiale che trovi nell’app store. Di client per twitter poi ce ne sono un’infinità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: